Izi – Tutto Torna Lyrics

Non capisco il trucco
[Ritornello]
Ho scritto un ritornello perché tutto torna
E l’ho fermata sul più bello purché tu respiri
A volte ho solo paura dell’ombra
A volte, invece, soltanto di me
Il bello è che non so bene che cerco
Mi perdo e non so manco bene per cosa mi perdo
Le cose belle, la vita intendo
Per questo vivo tra le stelle
Poi colpisco il segno
[Strofa 2]
Esplodono le mie catene
Fuori è scuro e cupo
Muori nudo e muto
Primordiale, prima odiare
Ed ora uno ad uno ad implorare aiuto
Genuflessi al cielo come a salutarlo
Come il sale a bagno, disinfetto il taglio
E no, non aspettano altro e sembra strano
Forse lo si legge dalle borse sotto gli occhi stanchi
Sotto l’occhio stan a rimembrare i fatti
I pochi che rifiutano son marci e moriranno marci
E faranno da stracci agli altri per lenire le ferite
Pedine stra scalfite, deperire poco a poco
Per capire il gioco e seppellire tutto
Non per dire, ma per vivere sul serio
E forse è brutto, forse è meglio farci un tuffo
E percepire il buio che nasconde il vero
In mezzo alla menzogna
Credo più in chi sogna che al concreto
Anche se vedo l’ombra che m’insegue
Un’onda retrocede e torna
Giardino dell’Eden con natura morta
Chi si siede trova sede in Cognac
[Bridge]
Tutto torna
Tutto, sempre
È inutile che mi parli di me
Pensa ai tuo sbagli, non guardare i miei
[Ritornello]
Ho scritto un ritornello perché tutto torna
E l’ho fermata sul più bello purché tu respiri
A volte ho solo paura dell’ombra
A volte, invece, soltanto di me
Il bello è che non so bene che cerco
Mi perdo e non so manco bene per cosa mi perdo
Le cose belle, la vita intendo
Per questo vivo tra le stelle
Poi colpisco il segno [Strofa 1]
Da quando ero piccolo che sognavo questo
Non mi davi uno spicciolo
Rappo da cingolo perché ci investo
Come quando ti spingono al cerchio un po’ incerto
Certo, se sei sveglio spacchi
Se sei un genio è meglio
Tanto di cappello, tanto l’ho capito ormai
Canticchi a cappella ma non canti live
Ed hai contanti online
Baby, fra’ tanti spicchi solo se non mangi mai
Fino alla nausea
Mangi due spicchi, sbocchi sangue, risale l’ansia
Cicale cantano come volessero tenermi in piedi in notte estiva
Ci credi? Ti ho capita
È che ciò che è capitato a noi ci avviliva
Due vipere contorte senza vita
Una sfida, ma in prima linea
Fra’, in prima fila non ci resto che ci vedo male
Quasi un obiettivo indefinito, l’orizzonte e il mare
Prende forma sotto forma d’acqua che trasporta tutto
Da cosa viene questa forza?